Quando: 4 dicembre 2015 – 6 gennaio 2016

Dove: Museo d’arte contemporanea Villa Croce

Opening 4 dicembre ore 18.00

Il museo di arte contemporanea di Villa Croce di Genova propone per il prossimo dicembre il progetto HumanDog dell’artista Silvia Amodio. Si tratta di un progetto fotografico itinerante che ha lo scopo di raccontare una relazione antica e profonda, quella che lega il cane all’uomo. Il cane è un membro della famiglia a tutti gli effetti ed è così che si intende rappresentarlo, strizzando l’occhio alla tradizione della fotografia classica e ai ritratti di famiglia.
In questo progetto il lavoro di Amodio è decisamente più vicino all’atteggiamento del ricercatore che non a quello del puro artista visivo, novella artista rinascimentale, in parte artista e in parte scienziata: sempre curiosa.
La complessità del progetto HumanDog si chiarisce nel momento in cui Silvia dichiara che la presenza dei cani non è finalizzata al binomio cane/padrone (e ai relativi stereotipi) ma allude alla possibilità di raccontare, in uno scatto, la complessità di un rapporto che deriva da secoli di relazione. Un lavoro rigoroso, tecnico, scenografico che mantiene contestualmente tutta l’intensità della ricerca antropologica, in una parola la volontà di cercare la foto “perfetta” che racchiuda in una immagine la semplicità famigliare quanto la complessità sociale.

Per questo particolare progetto il museo di arte contemporanea di Villa Croce collabora con Schesir, marchio leader nell’alimentazione per cani e gatti a livello internazionale. L’interesse di Agras Delic, l’azienda proprietaria del marchio, con sede proprio a Genova, nasce soprattutto dall’immediata vicinanza riscontrata tra il lavoro di questa artista ed il percorso comunicativo che Schesir sta compiendo con la campagna pubblicitaria lanciata un anno fa e che alla fine di questo 2015 viene riproposta in televisione, al cinema e sulla stampa specializzata, avendo per oggetto uno sguardo alla naturalità della relazione tra l’animale domestico ed il suo padrone, che ben si sposa con la naturalità dei suoi prodotti.
La mostra avrà per oggetto i 20 scatti che l’artista riserverà negli spazi del museo ai primi 20 proprietari di cani che faranno richiesta. Lo scatto viene proposto al pubblico ad un costo eccezionale di 50 euro, inclusa la stampa, grazie al contributo organizzativo dell’azienda e la medesima cifra per ciascuna foto verrà devoluta da Schesir a Theodora Onlus,tale importo contribuirà a sostenere le visite dei Dottor Sogni di Fondazione Theodora Onlus ai bambini ricoverati presso l’Istituto Giannina Gaslini di Genova.
Per ulteriori informazioni, www. theodora.it.
La fotografia, post-prodotta, stampata su carta fine art, incorniciata e certificata, verrà consegnata a fine mostra.
Il progetto artistico e la collaborazione si inseriscono in unico principio che vede sinergicamente operare l’artista, il pubblico e le aziende sensibili ai temi sociali, trovando un territorio comune e accogliente rappresentato dagli spazi del Museo di Villa Croce.

Silvia Amodio, milanese di nascita, ma artista del mondo, è da sempre interessata oltre che all’uomo e alle sue relazioni con gli animali (da citare la sua tesi sperimentale svolta alle Hawaii sulle competenze linguistiche dei delfini in rapporto con il linguaggio umano): svolge da molti anni indagini sociali attraverso l’arte della fotografia, dalla diffusione dell’Aids alla natura delicata e complessa delle donne e del loro universo. La sua sensibilità unita alla grande competenza tecnica la mettono in evidenza nel mondo della fotografia d’autore.

Per info e prenotazioni: Paolo Scacchetti Museo d’arte contemporanea di Villa Croce Via Jacopo Ruffini 3 – 16128 Genova

telefono +39 010 580069 / 010 58577

DOCUMENTI ALLEGATI

Condividi