Dove: Museo d’arte contemporanea Villa Croce
Quando: 17 dicembre 2015 – 27 marzo 2016

A cura di Anna Lovecchio e CHAN

VX30 | CHAOTIC PASSION APERTA AL PUBBLICO!

sabato 13 febbraio, ore 17 domenica 21 febbraio, ore 17 domenica 28 febbraio, ore 17 sabato 5 marzo, ore 17 domenica 13 marzo, ore 17

In occasione della mostra VX30 | Chaotic Passion, il museo propone una serie di incontri con gli artisti e le curatrici della mostra per approfondire e discutere tematiche e opere.

ARTIST TALKS

Tra febbraio e marzo, un ciclo di incontri con gli artisti partecipanti alla mostra VX30 | Chaotic Passion offre al pubblico un’occasione speciale per avvicinarsi al mondo dell’arte contemporanea. Gli artisti sono invitati a raccontare in prima persona il proprio percorso artistico e a condividere con il pubblico le modalità della loro ricerca.

L’iniziativa è resa possibile grazie al sostegno di Amixi di Villa Croce.

giovedì 25 febbraio, ore 18 Silvia Giambrone e Jacopo Miliani

giovedì 3 marzo, ore 18 Rebecca Moccia e The Cool Couple

giovedì 10 marzo, ore 18 Serena Porrati e Alice Cattaneo

giovedì 17 marzo, ore 18 Chiara Camoni e Margherita Morgantin

VISITE GUIDATE

Ogni weekend di febbraio e marzo è possibile visitare la mostra insieme alle curatrici. Le visite guidate e l’ingresso alla mostra sono gratuiti. Si accettano gruppi fino a 20 persone. Per prenotare, telefonare a 010 580069 oppure scrivere a info@villacroce.org Prenotazione obbligatoria entro le 13 del giorno stesso.

LA MOSTRA

Se, come sostiene Walter Benjamin, nel collezionismo “tutte le passioni sconfinano nel caos” in una continua tensione tra i due poli di ordine e disordine, si può dire lo stesso della collezione di un museo? La mostra Chaotic Passion, ideata in occasione del trentennale del Museo di Villa Croce, intende esplorare questa relazione dialettica innescando un dialogo fra le opere storiche della collezione e quelle prodotte nel corso degli ultimi dieci anni da una nuova generazione di artisti.

Ospitato negli ambienti della omonima villa, il Museo di Villa Croce inaugura nel 1985 come spazio espositivo destinato principalmente ad accogliere mostre di arte contemporanea. Con l’acquisizione della raccolta Cernuschi Ghiringhelli da parte del Comune di Genova nel 1990, si dà inizio alla creazione di una collezione permanente che viene incrementata nei decenni successivi soprattutto attraverso lasciti e donazioni. Il suo nucleo storico riflette la passione di Maria Cernuschi Ghiringhelli per le ricerche legate agli sviluppi dell’astrattismo italiano e la sua personale interpretazione dell’acquisto di un’opera inteso come mezzo per sostenere e incoraggiare gli artisti.

Chaotic Passion procede dall’ipotesi che la collezione permanente di un museo non debba necessariamente cristallizzarsi in un canone estetico immobile e definitivo, specchio di un passato più o meno remoto rispetto al tempo in cui viviamo. Messe in discussione e ri-posizionate nel presente, le opere della collezione possono essere l’occasione di continue rivisitazioni e negoziazioni di senso che destabilizzano le aspettative del pubblico approfondendo diversi aspetti della loro rilevanza nel momento attuale. Partendo da una lettura trasversale della collezione sono state individuate due linee di ricerca che appaiono significative alla luce dei processi artistici contemporanei: l’astrazione e la ricerca verbo-visiva. Nella sua espressione pittorica, l’astrazione costituisce la parte più importante della collezione del museo di Villa Croce. In questa occasione viene messa in relazione con pratiche contemporanee che declinano le forme astratte nelle modalità più diverse per sollevare questioni di natura economica, geopolitica, ed emozionale. Allo stesso modo, indagando le molteplici ricorrenze della scrittura come gesto estetico e del linguaggio come materiale di creazione artistica, le opere storiche diventano il punto di partenza per una riflessione sulla scomposizione del linguaggio e sulla articolazione del segno linguistico, al di là della sua valenza comunicativa, secondo nuovi parametri di leggibilità e rappresentazione.

Orchestrando l’incontro fra sensibilità appartenenti a epoche diverse, la mostra esplora traiettorie centrifughe e convergenze inattese, rinuncia ad una narrazione storicistica per sperimentare accostamenti tra opere che invitano a una percezione più fluida della ricerca artistica. Chaotic Passion intende coinvolgere il pubblico in un percorso non lineare lungo il quale il passato e il recente si mescolano e generano un ecosistema abitato da temporalità multiple, dissonanze e riverberi: uno spazio nel quale le opere stabiliscono relazioni misteriose e innesti sperimentali suggerendo nuove possibilità di interpretazione dell’astrazione e del linguaggio come campi di indagine estetica.

Meris Angioletti/ Chiara Camoni/ Alice Cattaneo/ Cristian Chironi/ Danilo Correale/ Claire Fontaine/ Silvia Giambrone/ Alice Guareschi/ Jacopo Miliani/ Margherita Morgantin/ Rebecca Moccia/ Andrea Nacciarriti/ Pennacchio Argentato/ Serena Porrati/ Maria Domenica Rapicavoli/ The Cool Couple/ Serena Vestrucci/ Void.

Vincenzo Agnetti/ Cesi Amoretti/ Antonio Calderara/ Ettore Colla/ Gianni Colombo/ Pietro Consagra/ Dadamaino/ Corrado D’Ottavi/ Lucio Fontana/ Virginio Ghiringhelli/ Osvaldo Licini/ Piero Manzoni/ Bruno Munari/ Anna Oberto/ Mauro Reggiani/ Regina/ Ben Vautier/ Rodolfo Vitone/ Gianfranco Zappettini/ Alberto Zilocchi.