Carlo Quartucci e Carla Tatò portano
“SUEÑA QUIJANO” AL MUSEO D’ARTE CONTEMPORANEA VILLA CROCE
“TEATRARTERIA, TEATRO ARTE E CARNEZZERIA”
teatro, parola, musica, immagine, laboratorio e performance

Lo spettacolo/progetto Sueña Quijano, ideato da Carlo Quartucci e Carla Tatò, in collaborazione con il Teatro Stabile, continua il suo viaggio nella città di Genova.

Dopo il Prologo nel foyer del Teatro della Corte, l’Atto I al Conservatorio Niccolò Paganini e l’Atto II all’Università di Genova, Sueña Quijano va al Museo d’arte contemporanea Villa Croce dove il 10 e 11 aprile (dalle ore 10 alle ore 19) propone l’Atto III: TEATRARTERIA TEATRO ARTE E CARNEZZERIA Esposizione dal vivo dall’ultimo “dispositivo scenico” di Carlo Quartucci e Carla Tatò.

Una Jam session di teatro, di arti e di artisti all’ombra del Don Chisciotte di Cervantes e alla luce dell’Alonso Quijano di Borges: azioni sceniche disseminate e diffuse nei territori della scena, del teatro, della poesia, della musica e dell’arte. Work in progress di Pezzi&Figure&Opere in esposizione scenica tra laboratorio e spettacolo: Pentesilea da von Kleist, Macbeth da Shakespeare, Tamerlano da Marlowe e Borges, P.L.A.T.E.A. di Giulio Paolini, Notte di Jannis Kounellis, Porta Teatro Wien Secession, Porta Teatro di Gregorio Botta, Beckett’s DramaticulesPezzi d’occasione di Beckett, Kounellis, Quartucci, Tatò, Fluxid Kiosk di Henning Christiansen e Ursula Reuter Christiansen, verso: Blow Up PentesileaSenza titolo in Scenail Cerchio d’oro del potereLe Troiane al Porto Antico di GenovaSueña Quijano nell’immagine di Jannis Kounellis.

Interpreti delle due giornate: Carla Tatò, la Cantora, Giovanna Famulari, il Violoncello, Carlo Quartucci,il Regista, Gianmarco Mecozzi, l’Assistente ed Eugenio Buonaccorsi, il Viaggiatore Sensibile.

Venerdì 11 aprile, ore 18
Performance
TRA PEZZI&FIGURE
Sueña Quijano a “Quijote” nel libro d’artista di Mimmo Paladino con i versi di Giuseppe Conte

Carla Tatò (La Cantora)
Giovanna Famulari (il Violoncello)
regia Carlo Quartucci
assistente Gianmarco Mecozzi

Tra Pezzi&Figure, Teatro&Arte, Esposizioni&Visioni – il 10 e l’11 aprile 2014 dalle ore 10 alle ore 19 – le stanze della “mansarda sottotetto” del museo d’arte contemporanea Villa Croce diventano lo spazio diffuso e abitato del work in progress di azioni sceniche, performance ed esposizioni proiettato verso l’Epilogo di maggio al Teatro Duse e verso la stagione 2014/2015.

Il Museo Villa Croce si trasformerà in una Casa Quijote, una bottega di arte&teatro colma dei sogni e delle visioni del Cavaliere dalla Trista Figura, che sarà attraversata da creazioni in progress, laboratori, performance, esposizioni, proiezioni, azioni sceniche: una Teatr’Arteria donchisciottesca nella città di Genova.

Una grande suite scenica in situ Museo Villa Croce: due giorni no stop dalle 10 alle 19 
Una partitura scenica di creazioni in progress a tappe, in Italia e in Europa, estesa alla vitalità drammaturgica e dirompente delle arti contemporanee e dei suoi protagonisti, attraverso i Pezzi e i Corpi scenici del work in progress.
 L’Attrice Carla Tatò, la Violoncellista Giovanna Famulari, il Regista Carlo Quartucci, il Viaggiatore sensibile Eugenio Buonaccorsi e l’Assistente Gianmarco Mecozzi, accolgono i visitatori del Museo e gli spettatori del Teatro Stabile e il pubblico di Genova.

Incontri in Jam Session tra drammaturgia delle arti e drammaturgia della scena, gesto del pittore e gesto del teatrante, drammatizzazione dell’immagine e drammatizzazione dello spazio con Francesca Serrati, conservatore del Museo e Ilaria Bonacossa, curatore del Museo.
Sono invitati a partecipare i docenti e gli studenti dell’Accademia di Belle Arti, insieme al vice direttore, lo scenografo Guido Fiorato, gli studenti e i docenti del Conservatorio Niccolò Paganini, e dell’Università di Genova. E con la partecipazione (ingresso libero) degli spettatori del Teatro Stabile e del pubblico genovese “testimoni dal vivo” del viaggio di Sueña Quijano.
Il sogno sognato, scritto, recitato, drammatizzato, messo in scena, esposto, letto, narrato, suonato, il sogno filmato…

TEATRARTERIA TEATRO ARTE E CARNEZZERIA

Da vicolo Scavolino a Roma, sede storica del progetto, al Museo della Secessione di Vienna, per glioutdoor projects nella mostra The Death of the Audience a cura di Pierre Bal-Blanc, dalla Galleria di RAM Radioartemobile al Palazzo delle Esposizioni di Roma allo spazio espositivo del Lingotto per Artissima a Torino, fino alla Tanas Galerie di Berlino, il lungo viaggio di Teatr’Arteria, tra Italia ed Europa, “abita” la città di Genova nella “mansarda sottotetto” del Museo Villa Croce.

“Succede a Teatr’Arteria in una piccola strada nel cuore di Roma, in uno spazio con scala come in un atelier artigiano, una panetteria o un piccolo bar di quartiere…”.
Pierre Bal-Blanc – direttore del C.A.C. di Brétigny

“Non è teatro e non è galleria, ma la linea d’ombra tra performance e testo, installazione e scena. Lì succedono delle cose. Succede che Carla Tatò e Carlo Quartucci ( fondatori) insieme a Kounellis interpretino l’ossessivita’ e la potenza di Samuel Beckett… Succede che insieme a Giulio Paolini inventeranno una ‘’Comedie Italienne’’ con quadri, oggetti e scene di conversazione. Succede che vedremo laboratori e incontri… Succede insomma che è rinata una bottega. In senso antico ed eterno, s’intende”.
Alessandra Mammì – L’espresso

Ideato da Carlo Quartucci e Carla Tatò, in collaborazione con il Teatro Stabile di Genova, Sueña Quijano – Un doppio sogno nella città – è un progetto scenico che a Genova si svolge da febbraio a maggio 2014 dedicato al mito di Don Chisciotte, da Cervantes a Borges. Il progetto, in tre atti, un prologo e un epilogo – articolato in un work in progress internazionale e in laboratori al Conservatorio Paganini, all’Università di Genova e al Museo Villa Croce – si conclude al teatro Duse con l’ultima creazione del work in progress, improvvisazioni sceniche, video, esposizioni, e con lo spettacolo Cariatide Canzone.

La prossima tappa – l’Epilogo – del progetto Suen˜a Quijano è programmata il 15, 16 e 17 maggio al Teatro Duse, in contemporanea con il Museo di Villa Croce.