Dove: museo d’arte contemporanea Villa Croce
Quando: giovedì 13 luglio ore 19.00

A cura di Fabio Carnaghi

Anatomia della distanza è il titolo dell’intervento di Arianna Carossa al Museo d’Arte Contemporanea di Villa Croce.

Il progetto riflette sull’abbandono che si traduce nella pratica dell’assenza che nella ricerca artistica di Carossa assume da tempo un valore fondamentale in quanto principio estetico oltre che poietico.

Il distacco e la rimozione sono al centro di un’indagine psicoterapeutica che si traduce nella performance “la caduta ” in collaborazione con la Psicoterapeuta Senior Trainer of Mindfulness Nicoletta Cinotti e il video “If you don’t name it, it doesn’t exist” con Roberto Saviano e diretto da Paolo Boriani.

L’intervento di Carossa sovverte il linguaggio dell’arte e mette in gioco il fruitore che si accosta al progetto quale parte attiva nella possibilità di vivere la percezione estetica attraverso un percorso esperienziale. La riflessione dell’intero progetto si focalizza su quanto il distacco e l’abbandono possano tramutarsi in occasioni di consapevolezza e arricchimento.

Arianna Carossa artista di base a New York. Ha esposto a Documenta 11 (“Souvenir aus Genua”, Kunstbalkon Kassel, Documenta 11, Kassel, Germania), Guggenheim Museum (“James Turrel and Me, Story of Love Affairs”, New York, USA), Frieze NY 2013, MACRO Museum (“Road of Contemporary Art”, Roma, Italia), Galata Museum (“Doing Things Going Places”, Genova, Italia), Foundation for Contemporary Art, Rivara Castle (“Sound Of My Soul”, Torino, Italia), Spallanzani Museum (“Ketos 2.0”, Reggio Emilia, Italia), Vittoriano (“Ente Comunale di Consumo”, Roma, Italia), Museo Archeologico Castel San Giorgio (“Prima c’erano gli altri”, La Spezia, Italia).

DOCUMENTI ALLEGATI

Condividi